Armeggiatori dell’educazione (prima parte)

edit

By adubuquoy@image7.fr Maggio 30, 2024

L’innovazione nell’istruzione ha molteplici volti: quelli degli studenti e degli insegnanti in una classe a Tallinn, Nairobi o Bobigny, quelli dei pedagoghi in un laboratorio di ricerca a Belo Horizonte o a Londra, quelli dei rifugiati in un campo nel Sudan … Per tutti, l’istruzione è la risposta a una domanda posta in modi diversi ma con la stessa promessa: quella di un mondo migliore, più giusto e più sostenibile, per tutti. La visione ideale e idealizzata dell’istruzione attraversa le epoche, da Socrate o Sant’Agostino all’era digitale e all’intelligenza artificiale generativa.

La madre di tutte le battaglie

Alle immagini di centinaia di milioni di bambini per strada verso la scuola e di decine di milioni di insegnanti che si sono impegnati a formarli, si sovrappongono sempre quelle di scuole chiuse e di bambini privati dell’istruzione in città e villaggi trasformati in nuovi campi di battaglia in tutto il mondo. Nonostante tutti i nostri sforzi, l’istruzione rimane una risposta casuale a questioni vitali.

L’istruzione è la madre di tutte le battaglie, diceva al momento della sua nomina il primo ministro francese che fu un fugace ministro dell’Istruzione. Il linguaggio bellico è d’obbligo quando si tratta di mobilitare genitori, insegnanti, studenti, autorità pubbliche, aziende. Ma a quale scopo?

I paesi del mondo, con un’unica mossa, hanno reso l’accesso a un’istruzione di qualità uno degli obiettivi del nostro sviluppo sostenibile, allo stesso modo della protezione del pianeta o della salute e del benessere per tutti. Siamo vicini all’obiettivo? L’istruzione è anche e soprattutto una questione di misura. Quale impatto ha l’istruzione sulla vita di coloro che la ricevono? Permette davvero migliori lavori, migliori salari, comportamenti più responsabili per una vita più giusta e solidale?

Ognuno ha le proprie preoccupazioni. Per gli studenti del MIT o dell’Imperial College, l’istruzione è la strada maestra per l’innovazione nella sanità, ad esempio; dai laboratori di queste prestigiose università verranno i nuovi farmaci contro il cancro, come quelli che hanno permesso di affrontare la pandemia di COVID. Ma l’istruzione universitaria rimane un privilegio per una minoranza, mentre l’istruzione obbligatoria primaria e secondaria affronta sfide di incredibile diversità.

Raggiungere la scuola vivo è l’obiettivo di decine di migliaia di bambini in Africa che attraversano strade senza alcuna segnaletica a rischio della propria vita. Trovare un banco libero al mattino o al pomeriggio in classi con 100 studenti o più è la routine per decine di migliaia di altri. Allo stesso tempo, in Europa, il rapporto studenti-insegnanti inferiore a 10 è posto come priorità per combattere l’abbandono scolastico nei quartieri più vulnerabili ai margini delle grandi città. In decine di paesi, 130 milioni di ragazze non hanno accesso all’istruzione e l’integrità di milioni di altre è minacciata ogni giorno. L’assenteismo è una piaga ricorrente nei paesi a basso e alto reddito. Per alcuni è spesso un problema di salute quando parassiti intestinali o l’assenza di distribuzione di pasti scolastici impediscono a milioni di giovani di andare regolarmente a scuola. Per altri, spesso a migliaia di chilometri di distanza, nei paesi più ricchi, il malessere dei bambini, l’ansia dei voti, la perdita di punti di riferimento familiari e sociali causano assenteismo e abbandono scolastico.

Una storia di impatto

Poiché l’istruzione è una questione di misura, dobbiamo fare affidamento sui dati raccolti in tutto il mondo per valutare le prestazioni dei sistemi educativi. Da un lato, ci sono gli studi PISA per i paesi dell’OCSE, dall’altro ci sono i dati raccolti dalle Nazioni Unite e dalla Banca mondiale per i paesi a basso reddito.

Nei paesi più “ricchi” dell’OCSE, la frattura tra un “Occidente” spesso in via di regressione educativa e un “Est” che afferma il suo predominio nelle competenze del XXI secolo si accentua. In breve, le competenze degli studenti di Taiwan, Singapore, Corea del Sud, Macao o Giappone ma anche di Shanghai e di altre province cinesi misurate dal PISA sarebbero nettamente superiori a quelle dei loro omologhi americani o europei in matematica, lettura e scienze. (Questi risultati sono spesso legati a valori di impegno e superamento di sé e a una pressione sociale che si esercita a scapito della salute mentale dei bambini.) Questo divario si starebbe ampliando sempre di più da 10 anni a questa parte. Questa divergenza non si riflette ancora nell’istruzione superiore, ancora dominata dalle università anglosassoni.

I paesi a basso reddito rimangono ancora affrontati da difficoltà endemiche nell’accesso a un’istruzione di qualità: solo un paese su sei sembra in grado di raggiungere l’obiettivo di completamento universale del ciclo secondario entro il 2030, e si stima che più di 80 milioni di bambini e giovani non saranno ancora scolarizzati in quella data e che circa 300 milioni di studenti non avranno le competenze di base in matematica, lettura e scrittura necessarie per avere successo nella vita. C’è davvero un’istruzione a due velocità (almeno), tra i paesi naturalmente, senza che l’ammontare degli investimenti nell’istruzione sia sempre il fattore esplicativo delle differenze, ma anche all’interno dei paesi dove i sistemi educativi spesso accentuano la riproduzione.

This site is registered on wpml.org as a development site.